Farmaci contraffatti

I farmaci contraffatti sono un fenomeno ben noto, che minaccia gravemente la salute pubblica. 

 

L'Organizzazione mondiale della sanità ha stimato che circa l'8% dei farmaci disponibili in tutto il mondo sono contraffatti.

 

I farmaci contraffatti rientrano in tre grandi categorie:

 

- prodotti contenenti i principi attivi che sono previsti, ma che presentano dosaggi errati o sono scaduti o sono stati ri-etichettati (rischio di provocare reazioni allergiche o essere semplicemente inefficaci nel trattare i problemi per i quali erano previsti; rischio di causare resistenza antimicrobica).

 

- prodotti senza principi attivi (rischio di impedire ai pazienti di ricevere un trattamento medico adeguato, con possibili conseguenze drammatiche).

 

- prodotti contenenti ingredienti sbagliati: altri medicinali o sostanze tossiche, di bassa qualità o adulterate, scadute, sostanze contaminate (rischio di danni diretti alla salute).

 

Una delle conseguenze degli antibiotici falsi è il rischio di aumentare la resistenza microbica, mettendo in pericolo così non solo i singoli consumatori, ma l’intera salute pubblica. 

 

La falsificazione dei farmaci è sempre più sofisticata, sia le confezioni che l’aspetto sono molto simili a quello degli originali, rendendone ancora più difficile per i consumatori l’identificazione. 

 

L'unica strategia di prevenzione è quella di fidarsi solamente di rivenditori ufficiali e fonti di informazione istituzionali e non credere alle voci che circolano online su non provata o non approvata farmaci per curare le malattie.


 

Da quando è iniziata la crisi COVID-19, le autorità sanitarie temono che le fake news sui prodotti che promettono di curare, trattare o impedire la diffusione del COVID-19 possano indurre i consumatori a rinunciare alle precauzioni o, ancora peggio, a ritardare o interrompere un trattamento medico appropriato, con conseguenze letali.

 

Tra il pubblico, è aumentata la paura di contrarre il virus e rimanere senza farmaci, così le persone sono portate a cercare prodotti in grado di trattare la patologia. 

Queste sono condizioni ideali per i criminali che promuovono la vendita di trattamenti e vaccini falsificati con una falsa promessa di protezione.

 

L'Interpol e gli organismi nazionali preposti all'applicazione della legge sono estremamente

impegnati a combattere il traffico transfrontaliero di farmaci contraffatti: molte operazioni di polizia sono in corso e ogni settimana vengono scoperti nuovi siti web coinvolti in questa attività criminale.

E' molto importante che le persone contribuiscano segnalando reazioni avverse o problemi di qualità riscontrati in prodotti farmaceutici acquistati da venditori non registrati e negozi online o profili di social media non affidabili. 

 

L'EMA e le autorità sanitarie nazionali a livello UE hanno adottato un logo comune con sistema di tracciabilità che consente ai consumatori l’identificazione delle farmacie online autorizzate: tutti i venditori registrati devono mostrare il logo e semplicemente cliccando su di esso, il consumatore potrà verificare se il negozio è effettivamente nella lista ufficiale dell’autorità sanitaria nazionale.

Vi è una certa percentuale di consumatori che preferiscono negozi online non autorizzati o rivenditori sui social media a causa del prezzo basso e per motivi di privacy: anche la dark net viene utilizzata per contattare anonimamente i fornitori di farmaci. 

Questi mercati sono particolarmente pericolosi. In questo caso promuovere la consapevolezza sui pericoli sembra essere il miglior strumento di prevenzione.

 

Consigli per i consumatori

 

- I prodotti farmaceutici contraffatti possono causare gravi danni alla salute, sia perché contengono ingredienti nocivi, sia perché non possono curare la malattia a cui sono destinati, o perché danno una falsa promessa di protezione.

 

- La criminalità organizzata è molto attiva nella commercializzazione di dispositivi medici, farmaci, prodotti di diagnostica contraffatti. I criminali sono attratti dalle opportunità online a basso rischio e ad alto reddito.

 

- Solo le farmacie online registrate sono autorizzate alla vendita online: sono regolarmente soggette a controlli e garantiscono che i prodotti provengano da canali di produzione e distribuzione legali.

 

- evitare assolutamente venditori non trasparenti, la darknet e altri fornitori non ufficiali: non sai che tipo di farmaco stai effettivamente per utilizzare e corri un grave rischio. 

non esiste nessun motivo di risparmio o privacy che giustifichi di correre un tale rischio.

 

- Per quanto riguarda le malattie e le cure, fidati solamente delle informazioni provenienti da fonti ufficiali, autorità sanitarie, istituzioni, centri di ricerca riconosciuti e supportati dalla comunità scientifica. Attenzione alle fake news, voci di potenziale cure che circolano su Internet e campagne social media ingannevoli.

 

- Non esistono prodotti di automedicazione per prevenire o trattare l'infezione da COVID-19. Applicare sempre le raccomandazioni ufficiali del sistema sanitario.