istituto comprensivo

madre bucchi di milaNO

FINALMENTE, la scuola è finita veramente

La scuola è finita il 5 giugno scorso, ma le videolezioni per gli studenti della Scuola Madre Bucchi non si sono chiuse con la fine dell’anno scolastico.

Le attività della scuola secondaria di primo grado, come quelle della primaria, sono proseguite fino a venerdì 26. Sempre con modalità a distanza, ovviamente.
Fortunatamente per noi della secondaria i professori si sono dedicati con energia e passione a
organizzare laboratori e attività che ci permettessero di trascorrere due ore al giorno in compagnia dei nostri compagni di classe e dei nostri “colleghi” divertendoci imparando.
Entusiasmante è stato il Laboratorio di Poesia guidati dalle insegnanti di Lettere. Alla fine delle tre settimane abbiamo prodotto un nostro testo: che soddisfazione!
Ma non solo: abbiamo avuto l’opportunità di approfondire il discorso iniziato durante l’anno relativo alla “Proprietà Intellettuale”, avendo, la nostra scuola, aderito al progetto “Peers say no” proposto dall’agenzia di stampa DireGiovani e coordinato da Adiconsum.
Partendo dai marchi, dal copyright e diritto d’autore, fino ai brevetti e all’Italian sounding, ma anche parlando di contraffazione e pirateria. Abbiamo incontrato (anche se a distanza) musicisti come il batterista Claudio Damiano e quattro giovani musiciste (SlutMachine), ma anche un giovane artista, Nemesi.
Per concludere abbiamo riunito idee e parole allo scopo di creare uno slogan e immagini che possano essere messaggio per i nostri coetanei.

 

Ed ecco le nostre produzioni:

Schermata 2020-11-03 alle 14.33.16.png
Schermata 2020-11-03 alle 14.34.10.png